ASVERI Gianfranco - Biografia e Opere - CASATI Arte Contemporanea
2147
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-2147,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-9.1.2,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

ASVERI Gianfranco

GIANFRANCO ASVERI

(Fiorenzuola d’Arda, 1948)

 

 

Nato nel 1948 a Fiorenzuola d’Arda, in provincia di Piacenza, Gianfranco Asveri vive e lavori da anni ai Gasperini sulle colline piacentine.

La sua pittura ha trovato ormai da tempo la propria dimensione.

Prima della fine degli anni 80 il linguaggio di Asveri dava luogo ad immagini facilmente e direttamente riferibili ad altre esperienze pittoriche; era un linguaggio figurativo tradizionale. Successivamente tutto si è complicato e semplificato contemporaneamente: l’universo di Asveri si è fatto più ricco e il segno si è sintetizzato.

Il carattere energico, incisivo, sintetico ed estremamente espressivo di Asveri ricorda le “zampate” di Picasso e le “incandescenze” del gruppo Cobra, dell’Art Brut e di Jean Dubuffet. 

Gusto per il gesto, passione per il colore e la materia, e semplicità grafica sono le note principali della pittura di Asveri. Il suo stile, fortemente istintuale ed emotivo, traspare perfettamente nelle sue opere. Asveri aggredisce la superficie attraverso pennellate cariche di colore creando agglomerati pastosi e grumosi che si alternano a campiture piatte e distese.

La sua pittura scaturisce dall’osservazione del reale: gli animali che l’artista raccoglie e cura, con i quali vive e che ama sopra ogni cosa, sono gli stessi a cui dedica disegni, dipinti e poesie.  “Io dipingo quello che vedo aprendo la finestra di casa mia” dice Asveri.

Quella di Asveri è una pittura elegantemente sgraziata legata al mondo rurale e caratterizzata da soggetti terribilmente umani.