DEL MONTE Ilaria - CASATI Arte Contemporanea
5428
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-5428,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-9.1.2,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

DEL MONTE Ilaria

ILARIA DEL MONTE

(Taranto, 1985)

 

 

Nata a Taranto nel 1985, Ilaria Del Monte cresce a Montescaglioso, un paese a pochi chilometri da Matera. Sin da piccola dimostra particolare entusiasmo per il disegno e la musica. All’età di undici anni entra nel Conservatorio di Musica di Matera dove studia pianoforte fino all’età di 16 anni, dopodiché, frequentando il Liceo Artistico, decide di dedicarsi a disegno e pittura ad olio. Successivamente si trasferisce a Milano, dove si diploma in Arti Visive presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. 

Le opere di Ilaria Del Monte, caratterizzate da una raffinatezza esecutiva in cui il controllo e la padronanza della materia sono assoluti e in cui vi è una estrema attenzione e precisione per i dettagli, sono la rappresentazione plastica di un fenomeno intangibile che affonda le radici nell’immaginazione dell’artista e nel suo vissuto emotivo. Il processo di costruzione del suo universo pittorico è, infatti, simile a quello di surrealisti come René Magritte e Paul Delvaux, inclini a rappresentare il carattere enigmatico dell’esistenza attraverso una tecnica mimetica e illusionistica.

Ilaria Del Monte padroneggia una pittura potente e intensa, figlia del grande Novecento italiano. Nelle sue tele si respirano echi di De Chirico e Carrà, di Casorati e del più vicino Balthus. Con grazia e senza alcuna pesantezza, l’artista rielabora quelle lezioni preziose restituendocele in punta di pennello attraverso i suoi interni fioriti dove figure femminili leggiadre si intrattengono con piante sottilmente invasive o chiacchierano con animali parlanti. 

Riesce così a dar vita a un racconto, vividamente plastico, di meraviglia e stupefazione, in cui le protagoniste indiscusse sono le donne, le figure femminili che si stagliano al centro delle sue visioni. Crea un universo in cui l’ordinario e il fantastico si fondono e in cui la luce, elemento cardine, contribuisce a infondere un senso d’indecifrabile mistero. 

Le tele di Ilaria Del Monte non sono altro che scorci di realismo magico.