GIANFRANCO ASVERI - "Memorie dal soprassuolo" - CASATI Arte Contemporanea
3623
post-template-default,single,single-post,postid-3623,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-9.1.2,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

GIANFRANCO ASVERI – “Memorie dal soprassuolo”

GIANFRANCO ASVERI – “Memorie dal soprassuolo”

dal 10 maggio al 3 giugno 2018
Museoteatro della Commenda di Prè, secondo piano
Piazza della Commenda, Genova
Inaugurazione: 9 maggio, ore 17.30

 

Mostra a cura di: Claudio Castellini
Testo critico: Luciano Caprile

 

 

Mercoledì 9 maggio, alle ore 17.30, si inaugura al secondo piano del Museoteatro della Commenda di Prè la mostra “Memorie dal soprassuolo” di Gianfranco Asveri curata da Claudio Castellini e introdotta in catalogo da un testo di Luciano Caprile. Vengono presentati trenta dipinti su carta, su tela e su tavola che pongono in evidenza la straordinaria creatività dell’artista piacentino che interpreta i miti e le favole della sua terra a cui è profondamente legato.

La sua pittura scaturisce dall’interpretazione e dalla percezione del mondo che si dipana dalle colline dei Gasperini dove egli vive in compagnia dei suoi cani. E sono proprio questi cani, che il maestro raccoglie, cura e ama sopra ogni cosa, i protagonisti delle sue storie. Per esempio in “Abracadabra”, una tecnica mista su tela del 2018, uno di questi animali conquista decisamente la scena nel lampo verde-azzurro di sospensione mentre un calligrafico pulcino cerca riparo più in basso sotto un alberello fiorito. Questo gesto poetico, essenziale e immediato è in grado di accompagnare l’osservatore verso lontane pulsioni smarrite col trascorrere dell’’età.

Afferma in proposito Luciano Caprile:

Gianfranco Asveri trova nell’arte la motivazione e l’alimento per esplorare quello straordinario mondo della prima infanzia da tutti noi vissuto e sovente riposto nell’angolo più remoto e nostalgico dell’inconscio […] Asveri sembra voler celare una magia che sta per esplodere e che si manifesterà come liberazione incontenibile di creatività, di ritrovata innocenza, di condivisibile stupore.

Un parallelo con questo suggestivo spazio museale? Come la Commenda di Prè è radicata nella tradizione di Genova, così la pittura di Asveri è radicata nelle campagne piacentine dove sono ambientate tutte le sue opere.

Intervengono insieme all’artista: Nicoletta Viziano Presidente Mu.MA, Luciano Caprile critico d’arte, Luca Manganiello gallerista, Claudio Castellini curatore. La mostra ha i patrocini dell’Associazione Nazionale Gallerie d’Arte Moderne e Contemporanee, di Ubi Banca e di Arte in World. È organizzata da Casati Arte Contemporanea, in collaborazione con Mu.MA, Associazione Promotori Musei del Mare e Cooperativa Solidarietà.

 

 

Accompagna la mostra un catalogo realizzato da CASATI Arte Contemporanea e stampato a cura di Bandecchi & Vivaldi contenente il testo critico di Luciano Caprile, la riproduzione di tutte le opere esposte, una selezione di immagini di repertorio e gli apparati biografici.