NEUE STIMMUNG - CASATI Arte Contemporanea
6325
post-template-default,single,single-post,postid-6325,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-9.1.2,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

NEUE STIMMUNG

NEUE STIMMUNG

dal 19 settembre al 16 ottobre 2020
CASATI Arte Contemporanea
TORINO | DOCKS DORA | Via Valprato, 68
Inaugurazione: 19 settembre, ore 17.30

 

Mostra a cura di Ivan Quaroni

 

 

CASATI Arte Contemporanea è lieta di presentare la mostra collettiva NEUE STIMMUNG – Sopravvivenze metafisiche nella pittura italiana contemporanea a cura di Ivan Quaroni.
Dal 19 settembre al 16 ottobre 2020 la sede torinese della galleria ospiterà il lavoro di sette artisti italiani: Nicola Caredda (Cagliari, 1981), Paolo De Biasi (Feltre, 1966), Ilaria Del Monte (Taranto,1985), Olinsky (Slavateck – SLAVONIA, 1886), Ciro Palumbo (Zurigo, 1965), Paolo Pibi (Oristano, 1987) e Giuseppe Veneziano (Mazzarino, 1971).

La mostra Neue Stimmung intende dimostrare, a oltre un secolo dalla creazione dei primi dipinti metafisici, come l’eredità della Stimmung dechirichiana in alcune frange della pittura italiana contemporanea sia sopravvissuta all’avvento della postmodernità, alle teorie di Walter Benjamin sulla perdita dell’aura dell’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica e a quelle di Jean Baudrillaud sulla sparizione dell’arte.

Scrive il curatore Ivan Quaroni:
“La Stimmung – termine tedesco che si può tradurre con la parola “atmosfera” – non è uno stato d’animo umorale, come ad esempio il mood anglosassone, ma è una disposizione d’animo che si estende allo spazio, quasi una tonalità affettiva che coinvolge il luogo e il paesaggio, tracciando una sorta di linea d’ombra tra il visibile e l’invisibile.”
“Tracce spurie o degradate di Stimmung sembrano sopravvivere nel frasario pittorico di alcuni artisti italiani, talora assumendo significati nuovi, in un ventaglio di accezioni che spaziano dal concettuale all’ironico, dal nostalgico al citazionista, dal magico al surreale.”