"Le mostre non finiscono mai" - REPUBBLICA del 24.09.2017 - CASATI Arte Contemporanea
1601
post-template-default,single,single-post,postid-1601,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-9.1.2,qode-theme-ver-18.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.3,vc_responsive

“Le mostre non finiscono mai” – REPUBBLICA del 24.09.2017

Tino STEFANONI, Disegno 626, Pastello su cartoncino, cm 32x38, 2017, Courtesy CASATI Arte Contemporanea, Muggiò2

“Le mostre non finiscono mai” – REPUBBLICA del 24.09.2017

Durante la fiera Expoarte di Montichiari (BS) alla quale la Galleria ha partecipato con l’esposizione della mostra “Quasi Bianco”, Repubblica ci dedica un articolo in cui si parla dei nostri progetti futuri.

“Sono mesi intensi per la galleria CASATI Arte Contemporanea. Reduce dalla importante mostra dedicata al novantesimo genetliaco di Achille Perilli, ha inaugurato il 21 settembre la mostra “Quasi Bianco”, curata da Luciano Caprile. Sulle pareti cinquanta opere di Tino Stefanoni realizzate nell’arco di cinquant’anni.
Si tratta di rassegne molto apprezzate dai collezionisti che sono lieti di toccare con mano selezioni di opere esercitate al di fuori delle logiche di mercato.
Il prossimo appuntamento sarà a gennaio quando verrà inaugurata la mostra “Emilio Scanavino: le tele, le carte, le ceramiche” che si focalizzerà sui diversi materiali utilizzati dal grande Maestro ligure. Più di quaranta opere datate tra il 1958 e gli anni ottanta per rendere omaggio ad un artista tra i grandi protagonisti del ‘900.
Spiccano per la loro rilevanza alcune ceramiche degli anni Sessanta provenienti da blasonate collezioni. Solo un paio di mesi dopo sarà la volta di Lorenzo Piemonti. I suoi capolavori degli anni Sessanta sono al centro di un lavoro inteso a valorizzarne il potenziale incredibilmente poco espresso: estroflessioni di grandi dimensioni, sculture in metallo e dipinti di inusitata bellezza saranno per la prima volta presentati in una sola mostra. Tesori finora nascosti che, grazie a CASATI Arte Contemporanea, saranno restituiti al loro legittimo spazio.
Appuntamenti ai quali il vero appassionato non può mancare.”

 

REPUBBLICA DEL 24.09.2017 – LOMBARDIA WEEK END, PAG. XVI